Crt avvia rigenerazione con 110% a Sesto S. Giovanni per 20 mln

Crt group con la società benefit bresciana DVArea annunciano l’avvio di un nuovo progetto di riqualificazione sismica e di consolidamento strutturale che comprende tre edifici a Sesto San Giovanni.

L’operazione è dell’ordine dei 20 milioni di euro, un cantiere che porterà a un totale rinnovamento di tutti e 3 gli edifici attraverso interventi di riqualificazione sismica e di consolidamento strutturale su tutti i nodi di facciata, con conseguente realizzazione di un cappotto termico e di una nuova finitura estetica, la sostituzione degli infissi, e la riqualificazione con il consolidamento dei garage sotterranei di ogni condominio.

Migliorie che porteranno grande risparmio in bolletta per i condòmini, oltre ad avere un immobile bello esteticamente, e soprattutto dal crescente valore economico anche perché più sicuro essendo garantito il miglioramento di una classe sismica all’intero complesso.

Si tratta del ventesimo cantiere gestito dalla società piemontese negli ultimi 24 mesi sul territorio lombardo: ad oggi infatti Crt Group Srl ha gestito altri progetti in ambito Superbonus 110% in tutto il quartiere del Gallaratese, con 6 edifici già consegnati, 6 in fase di riqualificazione e altri 7 in partenza.

“Ristrutturare gli edifici in Italia è di fondamentale importanza – ha commentato Alberto Cerutti, presidente di Crt group Srl.  – Oggi la maggior parte degli immobili ha più di 30 anni, costruiti in periodi dove l’attenzione all’efficienza energetica e costruttiva era scarsa o insistente. Parliamo di stabili che quindi consumano molto, che non garantiscono adeguati standard qualitativi e che nel lungo periodo possono portare a enormi sprechi e spese di gestione, difficili da essere considerati un patrimonio e un investimento. Gli incentivi economici – prosegue Cerutti – hanno sicuramente aiutato a comprendere l’importanza di ammodernare il patrimonio immobiliare italiano, ma il processo (con o senza incentivi) dovrà continuare e rafforzarsi negli anni futuri se l’obiettivo è il vero cambiamento. Noi come azienda siamo fortemente convinti della necessità di proseguire in questa direzione, ampliando gli interventi di efficientamento energetico e strutturale anche a settori diversi dal residenziale, come l’hotellerie e gli edifici direzionali”.

Numerose le aziende coinvolte che daranno un contributo nelle diverse fasi in ambito Superbonus 110% per il complesso del condomino Eleonora Duse, a cominciare da DVArea che attraverso le sue partecipate (Dva, Dvs e DVMep) gestisce tutte le fasi di progettazione e direzione lavori, con attenzione nell’applicazione della migliore soluzione tecnologica e cura nella proposta estetica finale.