Efficientamento Energetico

Rendere un edificio efficiente a livello energetico significa mettere in atto degli interventi che permettano di ridurre i consumi energetici, eliminando eventuali sprechi e ottimizzando l’uso dell’energia. 

 

Gli interventi di efficientamento devono assicurare un miglioramento di almeno due classi energetiche oppure, se ciò non fosse possibile, il conseguimento della classe energetica più alta.

 

Quali sono gli interventi di efficientamento energetico?

Se si desidera migliorare l’efficientamento energetico di un immobile esistono diversi interventi. Tra i più comuni:

● Sostituzione della caldaia a gasolio con una caldaia a condensazione
● Sostituzione degli infissi
● Installazione di pannelli solari e pompe di calore
● Utilizzo di lampadine a basso consumo (LED)
● Utilizzo di impianti che sfruttano fonti di energie rinnovabili
● Opere di coibentazione come ad esempio il cappotto termico.

I vantaggi dell’efficientamento energetico e perché è importante

 

Le opere di efficientamento energetico portano principalmente quattro tipi di vantaggi:


● Utilizzo ottimale delle fonti di energia
● Controllo delle prestazioni energetiche
● Evitare lo spreco di energia
Abbassamento delle bollette

immagine che richiama il risparmio energetico o valore casa che aumenta perchè efficiente

Cos’è la certificazione energetica

 

La certificazione energetica (conosciuta anche come Attestato di Prestazione Energetica o APE) è un atto che dichiara l’effettiva classe energetica di un immobile con relativi consumi e prestazioni nell’arco degli anni. La classe energetica va dalla A4 (la più alta) a G (la più bassa).

La certificazione energetica è in particolar modo uno strumento importante per:


● la compravendita di immobili
● la costruzione di nuovi immobili
● la ristrutturazione superiore al 25% degli immobili e la loro riqualificazione energetica.

 

Un edificio efficiente a livello energetico diventa quindi un bene facilmente rivendibile e acquista rapidamente valore.